Interventi di sicurezza al Ring. Una puttanata pazzesca

0
499

nordschleife

Non ce ne voglia il buon Ragionier Fantozzi se abbiamo storpiato il suo sfogo sulla Corazzata Kotiomkin ma senza troppa voglia di girarci attorno, che idea malsana è questa della DMSB? Ci siamo astenuti dal commentare l’incidente della GT-R R35 perché secondo noi c’era poco da aggiungere alle immagini. E per nostra abitudine non cavalchiamo mai drammi del genere, soprattutto per raccogliere like o salire in cattedra e puntare, a caso, nella più completa e totale ignoranza, il dito. Basta guardare i filmati per capire che era una tragedia evitabile. Fortuna che la community di Track|FEVER non conta moralisti dell’ultima ora. Ad oggi nessuno è stato in grado di spiegarci che diavolo ci facessero degli spettatori tra le due fila di reti. La Flugplatz è pericolosa? Certo, esattamente quanto TUTTO il Ring, altrimenti non lo chiamerebbero Inferno Verde ma Tilkometro.

Chiariamo però una cosa, il Ring è a prova di FIA. Questo vuol dire che l’impianto, pur nella sua difficoltà, non presta il fianco a zone di pericolo. Altrimenti la proprietà non avrebbe ottenuto l’omologa e il WTCC non vi sarebbe approdato in questa stagione. Ma torniamo alla Flugplatz. Che rappresenti un tratto spettacolare è cosa nota. Altrettanto noto è che stiamo parlando di uno dei pochi punti della nordschleife ad offrire, seppur piccola, una via di fuga. Se gli organizzatori hanno messo due file di reti a protezione del pubblico in quel tratto è perché hanno riconosciuto la possibilità che un’auto possa, arrivando lunga, impattare contro le protezioni e i detriti colpire il pubblico. Ed hanno posizionato 2 file di reti. E’ difficile immaginare che un brutto giorno una GT3 possa prendere letteralmente il volo e atterrare oltre il tracciato. Ma per fortuna che gli organizzatori hanno posizionato 2 file di reti.

Nissan_GTR_crash_1

Dov’è atterrata la GTR dello sfortunato Hoshino Kazuki? Tra le due file di reti. Ha impattato sul terreno quindi? No, sopra un ragazzo che era seduto su una sediolina da campeggio. Tra le due file di reti di sicurezza. Messe a tutela del pubblico. Lui era lì in mezzo. Insieme agli altri feriti.

Nissan_GTR_crash_2

Che gli organizzatori dovessero trovare, e in fretta, una soluzione è indubbio. Il calendario di eventi è fitto, le Case spingono per correre e l’intera regione dell’Eiffel fonda la propria economia in funzione di quel seducente nastro d’asfalto. Ma era il caso di partorire degli interventi del genere? Hanno specificato, per fortuna, che è una situazione tampone e che ci saranno interventi più sostanziosi e dignitosi.

Nürburgring-Nordschleife

Perché cari amici, piazzare un bel cartello di limite di velocità in pista è la cosa più deprimente che la mente umana possa partorire. E così, i piloti lanciati flat out lungo il Quiddelbacher Höhe dovranno alzare il piede e percorrere il tratto a ridosso della Flugplatz ad una velocità inferiore ai 200 km/h. Stessa sorte per le pieghe a sinistra alle Schwedenkreuz e Antoniusbuche. Ma non solo. Il mitico rettilineo Döttinger Höhe è stato castrato, come buona parte della gara. In quel tratto le auto non potranno superare i 250 km/h. In pratica avremo due file di auto. Una a destra con in solitaria l’ Opel Manta del Team Kissling e a sinistra tutte le altre 192 auto partecipanti. Che figata. E come gestiranno la scia? Ah boh, ci sarà una distanza di sicurezza da mantenere e certamente troveremo nascosta dietro qualche albero la Polizei col telelaser. Scherziamo, la velocità sarà controllata dalla direzione gara via GPS, ma noi da casa un occhio alla foresta glielo diamo. Metti mai…

Nurburgring name corners

Inoltre tutte le GT3 schierate dovranno lasciare ai box il 5% della loro potenza. Va beh. La gara secondo noi è stata ridicolizzata a sufficienza. Molti dei punti che permettevano di fatto di far la differenza sono stati neutralizzati. Le auto verosimilmente riusciranno a superarsi ai box e il rischio di vedere tanti trenini come ai tempi cupi della F1 pare essere una certezza. Speriamo di no ma siamo parecchio sfiduciati… staremo a vedere!