Track|FEVER

THE ULTIMATE CRAZY DRIVERS

Salut Gilles!

Salut Gilles, come recita la linea di partenza del circuito di Montreal.

E’ inutile ricordarvi che oggi sono passati 30 anni da quel crudele, bastardo e anche beffardo, se vogliamo, incidente. Tanto se siete qui per caso, avrete già chiuso questa pagina da tempo. E se siete degli appassionati, l’avvincente storia di Gilles la conoscerete alla perfezione.

Francamente non mi va di ricordare la scomparsa di Gilles. Non mi va di ripensare che un Eroe come lui sia scomparso per colpa di una stupida incomprensione con un altro pilota. Ma perchè devo ripensare che Gilles è morto a causa di un paletto che lo ha infilzato e non per le dirette conseguenze dell’incidente. Con quel volo terribile, con le cinture di sicurezza che cedono lasciando il corpo di Gilles vulnerabile e indifeso. Perchè?

L’8 maggio 1982 Gilles è definitivamente consacrato a Leggenda del Motorsport.

L’8 maggio 1982 Gilles non è morto.

L’8 maggio 1982 Gilles non ci ha lasciato.

L’8 maggio 1982 Gilles… è rimasto Gilles. Tutt’ora.

Vive nel cuore degli appassionati che si emozionano ancora oggi davanti ai vecchi filmati. Vive negli occhi determinati dei piloti che ogni domenica, con coraggio, provano a fare la differenza. In ogni competizione. Gilles è vivo perchè con la sua semplicità, con la sua generosità, non ha soltanto conquistato i tifosi. E’ diventato parte di noi. Era, ed è un Eroe.

E gli Eroi vanno celebrati, non rimpianti.

Questa giornata non va sprecata con il triste ricordo di un Campione che non c’è più. Spendiamola come Gilles ci ha insegnato a fare. Impariamo da lui, vestiamoci del nostro miglior sorriso e godiamoci uno dei tanti meravigliosi spettacoli che ci ha regalato.

Salut Gilles, domenica sei libero che ci guardiamo la F1 insieme… come sempre?

Share:Email this to someonePin on PinterestTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Digg thisShare on TumblrShare on LinkedIn

Leave a Reply